top of page
364194.jpg

LA MACCHIA MEDITERRANEA

Cenni generali

Per macchia s'intende una boscaglia costituita da arbusti (in prevalenza) ed alberi (pochi) sempreverdi, con foglie di colore verde scuro, di consistenza coriacea (sclerofille) e di piccole dimensioni (microfille). Simili caratteristiche rappresentano una forma di adattamento della cenosi all'aridità e al notevole irraggiamento estivo del clima mediterraneo. La macchia rappresenta la formazione vegetale più rappresentativa della regione mediterranea ed anche nel territorio del Parco dei Monti Livornesi è molto diffusa; la troviamo distribuita dal livello del mare fino a ricoprire le cime più alte dei Monti Livornesi. Le componenti principali dello strato arbustivo sono costituite da: Corbezzolo, Mirto, Lentisco, Fillirea, Alaterno, Erica e, fra i rampicanti, Caprifoglio, Smilace e Clematide; quelle dello strato arboreo sono costituite da: Leccio, Pino d'Aleppo e Sughera.


Si parla distintamente di macchia "alta" quando gli alberi e gli arbusti che la compongono non superano i 4-5 metri d'altezza; di macchia "bassa" quando si rinvengono solo arbusti con un'altezza di 1,5-2 metri. La prima è diffusa nei versanti più freschi e dove la profondità del terreno è maggiore (in queste stazioni possono fare la loro comparsa anche esemplari di Cerro e Roverella); la seconda è presente nelle stazioni limitate da fattori ecologici avversi - alle quote più alte dei rilievi (dove lo strato di terreno è molto ridotto), sui versanti esposti a Sud (più assolati ed aridi) e ad Ovest (dove l'aridità è accentuata dai venti che spirano dal mare) - ma anche in aree in via di rinaturazione (cave e coltivazioni abbandonate da molti anni, aree percorse da incendi, arginature stradali). Lo strato arbustivo della macchia bassa si arricchisce in questi casi anche di Cisti e/o di Ginestre, ed ai margini della stessa è frequente il ricercato Asparago selvatico (***Asparagus acutifolius).


Sottotipi e Varianti:

Macchia media mediterranea

Questo tipo raggruppa popolamenti che anche dopo 30-40 anni dall’ultimo taglio (o in- cendio) non superano i 3 metri di altezza. La fisionomia è quella di un ceduo o di un arbusteto molto denso ed intricato composto da eventuale leccio con molti arbusti-alberelli sclerofillici (corbezzolo, filliree, e, nelle zone più calde, lentisco e mirto), con arbusti pionieri (eriche, leguminose di tipo “ ginestra” ). Possi- bili alcuni elementi del bosco di caducifoglie, come per esempio, l’orniello. I sottotipi di mi- nore degradazione possono essere confusi con fasi di ceduo giovane (“ forteto” ) delle leccete.


Macchia bassa mediterranea

Cespuglieto da degradazione alto fino a m 1,5, o poco oltre, passante a gariga, conte- nente ancora sclerofille (lentisco, mirto, fil- liree, corbezzolo) con erica arborea e con pre- senza qualificante di arbusti del genere Ci- stus, di leguminose (Calicotome, Spartium, Ulex - a nord-) e di suffrutici aromatici: la- vande, rosmarino, timo volgare, ecc.

La Macchia bassa e la gariga possono apparire anche come sottobosco di Pinete di pino d’ Aleppo, di pino domestico e di pino marittimo.

207 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Gariga

Comments


bottom of page